vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEO Tribu add to Del.Icio.Us. Digg this fav this with Technorati segnala su ZicZac

CROCO

Croco

Da dove viene: E’ diffuso in tutto il bacino del Mediterraneo, dall’Asia Minore all’Africa Settentrionale. Il suo nome deriva dal greco “kroke”, che vuol dire filamento, proprio a rappresentare i lunghi stimmi che caratterizzano il suo fiore.
Cosa significa: Al tempo dei Greci simboleggiava la passione e l’amore sensuale (Omero, infatti, ricopre il talamo nuziale di Giove e Giunone di tanti fiori tra cui il croco). Presso gli antichi Romani, il croco veniva posto sulle tombe, perché era simbolo di speranza. Oggi il suo significato è quello di amore appassionato e di giovinezza spensierata.
Curiosità: Gli antichi probabilmente conoscevano solo la specie da cui si ricava lo zafferano, con il quale preparavano anche filtri d’amore. In realtà ne esistono circa 80 specie e questo fiore è ancora utilizzato per la preparazione del laudano, che è tintura di oppio zafferanata.
Lo sapevate che: Nella mitologia antica, Croco era un giovane che, in seguito ad un amore infelice per la ninfa Smilacecome…, fu trasformato in zafferano.

 
INFIORITALIA Associazione Nazionale Infiorate Artistiche - sede legale e sede sociale Via Roma, 6 02037 Poggio Moiano RI
Realizzato da Giorgio Bottini - Chi Siamo | Paesi Associati | Rassegna Stampa | Mail | Wiki